mercoledì 9 agosto 2017

Le incredibili trumpate

Il Governo di Sua Prepotenza e Arroganza, Oliver Donald Trumpone che al contrario del suo omonimo Duck e del suo simile del cinema in b/n non fa ridere, ma piangere, dopo le sanzioni promosse internazionalmente, ha “suggerito” ai cittadini statunitensi di abbandonare la Corea del Nord. Evidentemente sta studiando un possibile intervento militare. Evidentemente un muro di confine di oltre 15 mila chilometri e attraverso l’Oceano, sarebbe troppo lungo e costoso per proteggere lo squalo bianco nordamericano dalla sardina asiatica (la Corea non potrebbe pagarlo), ma evidentemente secondo il punto di vista del paranoico parruccato biondo rappresenta un “un pericolo per la sicurezza nazionale”. Altrimenti non si capisce perché debba prendere misure contro un Paese sovrano e con tutti i diritti a difendersi con ogni mezzo da eventuali aggressioni e avere il Governo o regime che si merita. Anche quello di fare dei test coi missili, senza inviarli ad altri Stati. Chi ha aggredito o solo minacciato la Corea del Nord? La convivenza ultra sessantennale coi fratelli del sud non ha presentato conflitti, al contrario. Ma questo è un dejà vue, da parte dei vari Governi statunitensi, con o senza guanto di velluto che ha usato qualche presidente, pur senza rinunciare a volersi immischiare negli affari degli altri, o peggio, volerli soggiogare ai propri interessi. In un’intervista rilasciata prima di lasciare la Presidenza, Barak “il buono” Obama ha dichiarato testualmente: “Abbiamo l’esercito più potente del mondo e a volte dobbiamo torcere le braccia a qualche Paese che non vuole adeguarsi a quello che piace a noi”!!!! A quando il Venezuela? Se Cina e Russia da una parte e la NATO dall’altra non restano in silenzio, nel caso estremo,…addio per sempre alla vita sulla Terra, in modo più rapido che non rispettando il Trattato di Parigi e altre misure ambientali.

Nessun commento:

Posta un commento